CHI SIAMO

ARCHIVIO

REDAZIONE/CONTATTI/COLLABORA


L'attesa: l'io e la consapevolezza


Resto qui,
Nel mio comodo essere
L dove io solo esisto
Resto qui,
Nel mio sicuro credo
Lì dove so abilmente muovere la mia maschera
Resto qui,
Nei miei incessanti pensieri
Lì dove si ingarbugliano le colpe e le emozioni
Resto qui,
Nel vuoto dei miei racconti
Lì dove la semplice parola si perde
Resto qui,
Nella solitudine cupa e arrogante
Lì dove la ragione sovrasta il cuore chiuso
Resto qui,
Nell'attesa
Lì dove la consapevolezza avvolge nella luce
il mio errare egoico.


Poesia e immagine di Patrizia Anna Minischetti   (insegnante) Nell'immagine il concetto espresso l'attesa. La pianta alta e scura l'oro, l'ego, la pianta in basso piu piccola ma luminosa la coscienza, la consapevolezza. Il quadro esprime l'attesa che avvenga il sopravvento della consapevolezza sull'io. TECNICA: Gessetti ad olio su cartoncino.

(Tutti i diritti riservati©)

Condividi i tuoi commenti con noi

PAGINA DI DISCUSSIONE SU FACEBOOK: CLICCA "Mi piace" su L'ACCENTO DI SOCRATE



Torna indietro

L'accento di Socrate