CHI SIAMO

ARCHIVIO

REDAZIONE/CONTATTI/COLLABORA



 Andrea Bocchetti, PER UNA STORIA DELL’IO

UN NESSO IMPENSABILE: DESCARTES-NIETZSCHE

Presentazione di

Fabrizio Lomonaco (il libro anche in e-book)


Di cosa parla il libro: Ripensare il rapporto di Descartes e Nietzsche non vuol dire soltanto istituire una continuità tra due pensatori canonicamente contrapposti; vuol dire soprattutto far emergere lo “Stesso” cui entrambi appartengono. L’interpretazione heideggeriana è in questo senso fondamentale ma rischia di ridurre nei limiti della metafisica della soggettività lo scarto differenziale rappresentato, all’inizio del Moderno, da Descartes e, alla fine dello stesso, da Nietzsche. Questo libro tenta di riscrivere una storia dell’io, individuando nella decostruzione nietzschiana una potenziale ridefinizione in senso morfologico dell’ego cartesiano: il prender-forma delsentimus che precede ogni videre. La dinamica speculare inscritta nella visione conoscitiva (intuitus) diviene perciò stesso il terreno attraverso cui la vita, tramite l’ego, arriva a dire io.


Andrea Bocchetti, laureato in Filosofia nell’Università degli Studi di Napoli “Federico II”, collabora presso questo Ateneo con la cattedra di Storia della filosofia moderna. Dottore di ricerca all’Université Paris-Sorbonne e all’Università del Salento, si occupa del pensiero di Descartes e Nietzsche, nonché della filosofia francese del Novecento.


Condividi i tuoi commenti con noi

PAGINA DI DISCUSSIONE SU FACEBOOK: CLICCA "Mi piace" su L'ACCENTO DI SOCRATE



Torna indietro

L'accento di Socrate